Cottura a microonde: come cucinare con un forno a microonde, guida completa

Qual è l’elettrodomestico della cucina che si utilizza tutti i giorni e per più volte?
Sicuramente il forno a microonde, il sistema di cottura, attualmente, più veloce e pratico e, tecnologicamente, più avanzato, presente sul mercato.

Solo qualche anno fa, il forno a microonde era concepito alla stregua di  un apparecchio con cui riscaldare i liquidi come il latte o l’acqua per il te oppure per riscaldare qualche alimento solido avanzato dal pranzo o dalla cena.
Oggi, invece, questo sistema di cottura è tra i più utilizzati a livello mondiale, nelle cucine domestiche  ma anche in quelle industriali.

La velocità e la rapidità dei tempi di cottura del cibo hanno reso il microonde uno strumento essenziale e, ormai, irrinunciabile per scongelare e scaldare il cibo ma anche per cucinare eccellenti primi piatti, saporite pietanze e golosi dolci.
Tutto questo grazie alla tecnologia avanzata con cui i produttori progettano forni a microonde sempre più innovativi e multifunzione, trasformandoli in veri protagonisti della cucina.

Il forno a microonde è un dispositivo pratico per lo scongelamento e il riscaldamento dei prodotti con cui, tuttavia, preparare piatti deliziosi non è così semplice come sembra. E’ essenziale, infatti, seguire alcune regole fondamentali per ottenere i migliori possibili risultati. La regola essenziale da tenere sempre presente è che quando si cuoce il cibo con il microonde è indispensabile riuscire a mantenerlo umido e a cuocerlo uniformemente.

Cosa è necessario conoscere e sapere per riuscire a cucinare nel migliore dei modi con il forno a microonde?
Ecco qui, di seguito, alcuni consigli e suggerimenti su come utilizzare la meglio un microonde sfruttandone il possibili e migliori vantaggi per trasformare il pranzo di tutti i giorni in un sorprendente evento culinario da condividere con la famiglia.

Una delle discussioni più accese in merito al forno a microonde è quella in merito al dubbio sulla possibile dispersione o, viceversa, mantenimento, nella fase di cottura, delle sostanze nutritive e delle vitamine contenute negli alimenti.

In realtà, la perdita delle sostanze nutritive degli alimenti, in misura maggiore o minore, coinvolge tutti i possibili sistemi di cottura se eseguiti a temperature elevate.
In pratica, in merito a questo aspetto, cucinare un alimento nella pentola a pressione piuttosto che nel forno a microonde non provoca grandi e sostanziali differenze; anzi, possiamo anche aggiungere che è più facile che siano mantenuti i valori nutrizionali di un alimento cotto nel microonde in quanto esposto al calore per un tempo inferiore rispetto ad altri sistemi di cottura.

Può sembrare scontato e banale ma il primo suggerimento da fornire è quello di ottenere tutte le informazioni possibili sul modello di forno a microonde che si possiede. E’ evidente che più sono le funzioni di cui l’apparecchio è dotato, maggiori le possibilità di cimentarsi nell’esecuzione di ricette più impegnative.

E’ importante suddividere gli alimenti in base al tempo necessario per la loro cottura. Alcuni cibi richiedono più tempo di altri per essere cotti. In particolare, quelli più grandi hanno bisogno di maggiore tempo rispetto ai più piccoli. Quindi se si vuole evitare che che gli alimenti di dimensione maggiore risultino poco cotti mentre, viceversa, quelli più piccoli troppo cotti, provvedere a dividerli e cuocerli separatamente.

Una delle regole generali nell’uso del microonde è la copertura del contenitore in cui vengono disposti gli alimenti per essere cucinati con un coperchio o con la pellicola protettiva.
Si può evitare solo se una ricetta non ne prevede espressamente l’uso.
Il motivo principale per cui si devono cuocere gli alimenti coperti è per evitare la fuoriuscita del vapore che farebbe asciugare troppo il cibo rendendolo così eccessivamente secco. L’altra ragione è non permettere che il grasso e l’unto contenuto nel vapore oltre alle salse e i sughi che accompagnano il cibo, possano, propagandosi all’interno del vano cottura, depositarsi sulle pareti del forno.

Parliamo adesso di una delle funzioni più conosciute del forno a microonde: lo scongelamento dei prodotti.
In molti credono che la migliore procedura sia quella di introdurre nel forno gli alimenti surgelati e, in un unico ciclo, provvedere a scongelarli e cuocerli.
Questo è un grosso errore in quanto la corretta procedura prevede che gli alimenti vengano scongelati in una prima fase, impostando l’apposita funzione ad una bassa potenza.
Solo dopo che il cibo è scongelato si può provvedere al suo riscaldamento o cottura, a seconda dei casi, per poi essere consumati a tavola.

Il grill è una funzione di cui sono dotati i modelli di forni a microonde più recenti, utilizzata per gratinare la superficie di un piatto come ad esempio le lasagne piuttosto che gli spiedini di pesce.
E’ però possibile cucinare gli alimenti a crudo utilizzando la funzione combinata tra microonde più grill oppure tra microonde più ventilato più grill, ottenendo con questa ultima eccellenti arrosti che non hanno niente da invidiare a quelli ottenuti con un forno elettrico o a gas.

Gli alimenti ideali per essere cucinati nel microonde

Per quanto non ci siano particolari limiti in merito alla scelta dei prodotti da scaldare o cuocere con il forno a microonde, tra gli alimenti ideali per questo tipo di cottura sicuramente ci sono i petti di pollo e i filetti di pesce. Ottime anche le uova così come le salse piuttosto che le verdure e il riso. Difficile da credere ma non sono pochi gli ottimi dessert che possono essere preparati con il microonde. Golosità da soddisfare a pieno titolo con le crocchette di patate il cui impasto risulta perfetto e perfino più semplice di quello realizzato con i metodi tradizionali.

I migliori contenitori per cuocere nel microonde

Il successo dei forni a microonde, hanno favorito l’inserimento sul mercato di accessori che facilitano la preparazione delle ricette di tanti saporiti piatti.
Tra questi gli stampi in silicone, perfetti per contenere i cibi di qualsiasi genere, dalla carne al pesce, dalla pasta al riso, dalle verdure ai biscotti. Sono disponibili in più e diversi formati anche di grandi dimensioni in grado di contenere un pollo intero da 2 chili.

Ottimi anche i classici e intramontabili contenitori in vetro pyrex, dotati o meno di coperchio e presenti sul mercato in una grande varietà di forme e dimensioni.

Come cucinare le verdure

Tra tutti gli alimenti, ortaggi e verdure, traggono dalla cottura a microonde i maggiori benefici, sia sotto l’aspetto nutrizionale che per gusto e sapore.
Vediamo, quindi, come cucinare, alcune tra le verdure più consumate.

Bietola

Eliminare le foglie esterne, scegliendo, quindi, le migliori
Se sono grandi, tagliarle a pezzetti e metterle in un sacchetto per microonde.
Disporre quindi sul piatto rotante le foglie della bietola o il sacchetto che le contiene e cuocere per:

  • 4-5 minuti per 500 gr. di prodotto
  • 6-8 minuti per 750 gr. di prodotto
  • 3-4 minuti per 250 gr. di prodotto

Melanzane

Lavare le melanzane, tagliarle prima a metà e poi a piccoli tocchetti o, se si preferisce, a cubetti.
Disporre in una ciotola con 1 cucchiaino di sale ogni 500gr. di prodotto. Coprire con la pellicola trasparente e mettere in forno a microonde cuocendo per:

  • 6-8 minuti per 500 gr. di prodotto
  • 14-16 minuti per 1 chilo di prodotto

Zucca

Eliminare la scorza, tagliare a tocchetti la polpa.
Metterli in una ciotola immersi nell’acqua e coprire con la pellicola trasparente.
Procedere alla cottura per:

  • 9 minuti per 500 gr. di prodotto
  • 13 minuti per 750 gr. di prodotto
  • 16 minuti per 1 chilo di prodotto

Se la si cucina intera invece, i tempi di cottura sono:

  • 10-12 minuti per 500 gr.
  • 15 minuti per 750 gr.
  • 17-19 minuti per 1 chilo

Come cucinare la carne

In pochi minuti si ottengono risultati eccezionali cuocendo a microonde la carne nelle più diverse modalità: arrosto, bollita o in umido. Ecco qui alcuni suggerimenti per più saporita e stuzzicante.

Preriscaldare il forno a microonde per 7-8 minuti impostando la potenza massima.
Durante la cottura, rimuovere dal vassoio su cui è disposta la carne, l’eccesso di grasso, asciugando bene così da evitare una eccessiva rosolatura.

Usare le spezie per condire ma evitare il sale in modo che durante la cottura non si perda il prezioso succo liquido che rende tenere la carne al cui interno è contenuto.

Impostare la potenza del microonde in funzione del taglio della carne:

  • Taglio intero di carne di manzo – potenza al 100%
  • Tagli di carne di manzo – potenza prima al 100%
    poi al 70%
  • Tagli di carne di manzo a strisce sottili – potenza al 60%

Con la potenza impostata al 100%, ecco la tabella di riferimento per i tempi di cottura:

  • 14 minuti per la carne “al sangue”
  • 16 minuti per la carne rosata
  • 18 minuti per la carne ben cotta
  • 20 minuti per la carne molto cotta

Se il modello di forno a microonde che si possiede è dotato di grill oppure è a convenzione, quindi anche ventilato, condire e preparare la carne come, normalmente, si fa per la cottura nel forno elettrico o a gas oppure sul barbecue.
Dopodichè disporre la carne nel forno seguendo questo ordine di disposizione:

  • Sul piatto rotante per tagli di carne dallo spessore alto o medio.
  • Sulla griglia disposta in alto per tagli di carne sottili quali hamburger, cotolette e fettine.

Come cucinare il pollo

La carne di pollo cucinata nel forno a microonde è un’eccellente pietanza che può essere pronta in pochi minuti garantendo così un pasto sano e nutriente.

Se il pollo è congelato provvedere allo scongelamento. Impostare la potenza al 100% e applicare i seguenti tempi di cotture:

  • 5-6 minuti per 1/4 di pollo
  • 18-20 minuti per un pollo intero ma tagliato a pezzi
  • 16-18 minuti per un pollo intero

Ed ecco di seguito alcuni suggerimenti e consigli per cuocere il pollo nel forno a microonde:

  • Preriscaldare il forno per 8-10 minuti prima di procedere alla cottura del pollo
  • Condire il pollo crudo con le spezie ma evitare il sale aggiungendolo solo a metà cottura.
  • Fare rosolare bene in modo che la pelle del pollo risulti ben dorata e croccante.
  • Se il modello di forno che si utilizza prevede la presenza del grill e la possibilità di farlo funzionare con la potenza massima del forno, cuocere il pollo seguendo le informazioni fornite sopra. Se invece il grill può essere combinato al microonde con una potenza massima del 60%, cuocerlo raddoppiano di tempi precedentemente indicati.
  • Se la ricetta non prevede diversamente, il pollo deve essere cotto nel microonde in un contenitore dotato di coperchio o sigillato con la pellicola protettiva per alimenti.
  • Per esaltarne il sapore servire il pollo cotto con il microonde con un antipasto a base di verdura al vapore o bollita.

Come cucinare il pesce

Proprio per la sua capacità di cuocere rapidamente gli alimenti, il forno a microonde è un ottimo alleato per la cottura del pesce, in particolare quello fresco appena pescato.

Impostare la potenza del forno a microonde al 100% e seguire i seguenti tempi per la cottura:

  • 200 gr. di filetti di pesce: 2-3 minuti
  • 500 gr. di filetti di pesce: 5-6 minuti
  • 1 chilo di filetti di pesce: 9-10 minuti
  • 1 chilo e mezzo (pesce intero): 10-13 minuti

Ecco alcuni accorgimenti per cuocere il pesce:

  • Scongelare il pesce prima di procedere alla cottura
  • Effettuare piccoli tagli con il coltello sulla pelle esterna del pesce irrorando di olio in modo che questa non si restring durante la acottura.
  • Il pesce da cuocere nel forno a microonde deve sempre essere coperto con il coperchio del contenitore in cui è disposto o sigillato con la pellicola protettiva per alimenti. Se invece la cottura viene eseguita combinata con il grill allora il pesce deve essere cucinato scoperto.
  • Per verificare il grado di cottura per un pesce intero, praticare un taglio dietro le branchie per controllare che la carne sia opaca e si stacchi facilmente dalla lisca.
  • Prima di essere servito a tavola il pesce ha necessità di riposare.
  • Disponi il pesce a filetti su un vassoio per microonde facendo attenzione che non si possano attaccare e incollare tra di loro in fase di cottura.
  • Quando si cuociono i calamari o i polpi, impostare in fase iniziale la potenza al 100% quindi passare e completare la cottura al 50%.
  • Cozze, vongole, cappesante e molluschi, in generale, si aprono con i loro gusci in massimo due minuti di tempo impostando la potenza del forno a microonde al 100%. Se la cottura prosegue in umido abbassare la potenza al 70%.
  • La cottura di gamberi e gamberetti richiede al massimo 4 minuti di tempo per 500 gr. di prodotto ad una potenza del 100%.

E’ dal 1996 che mi occupo di scrittura per il web.
Da allora scrivo e condivido con i lettori contenuti coinvolgenti ed esaustivi per fornire risposte accurate alle loro domande.
Sicuramente l’aspetto più difficile è riuscire a trovare la “parola giusta” quella necessaria per regalare valore aggiunto a un testo. E questo è il mio lavoro.

Cottura a microonde: come cucinare con un forno a microonde, guida completa
Ti è piaciuto il post?
7032 7029 7097 6598 7121 7212 7062 7106 7146 6742
Back to top