Come pulire un forno a microonde

La pulizia frequente del forno a microonde è essenziale per mantenere integre le sue funzionalità e per evitare la comparsa di possibili cattivi odori.
Ciascuna delle parti che compone un microonde richiede una cura diversa in considerazione del materiale con cui è realizzata e che varia secondo il modello.
Vediamo, quindi, cosa è necessario fare per pulire e mantenere pulito un forno a microonde.

La prima cosa da sapere e avere presente è che qualsiasi operazione di pulizia o manutenzione deve avvenire solo ed esclusivamente quando:

  • il forno a microonde non è in uso,
  • al tatto, risulta freddo in tutte le sue parti
  • il cavo di alimentazione è staccato dalla presa elettrica.

Per la detersione non utilizzare prodotti aggressivi o corrosivi e neppure gli spray pulenti per i forni.
Per la rimozione dei residui di cibo, evitare di aiutarsi con utensili in metallo o vetro oltre che con spugne abrasive in quanto si può facilmente graffiare e, quindi, rovinare il rivestimento antiaderente dell’interno del forno a microonde.

Pulire l’esterno

E’ la parte visibile del forno a microonde, che, essendo a contatto con l’aria e quindi con la polvere e i fumi e i grassi della cucina, indipendentemente dall’uso o meno dell’apparecchio, richiede, una pulizia quotidiana.
Se il materiale di costruzione del forno a microonde è l’acciaio inox, è utile effettuare la pulizia con una spugna imbevuta di acqua calda e detersivo neutro.
Provvedere quindi ad asciugare con un panno asciutti facendo in modo di sfregarlo nel verso della lucidatura dell’acciaio.

Pulire l’interno

Munirsi di una spugna o di un panno morbido, provvedendo a inumidirle con sapone neutro o, meglio ancora, con aceto bianco che è un ottimo sgrassatore.
Passare la spugna o il panno all’interno del forno, nel suo vano cottura, insistendo sulle parti più sporche, che, nel caso non si riuscisse a farle risultare pulite, è possibile spruzzarci sopra uno sgrassatore professionale in grado di rimuovere il grasso e l’unto.
Al termine, asciugare con un panno asciutto e lasciare aperto lo sportello del forno a microonde per una mezz’ora in modo da eliminare completamente l’umidità.
Come già detto, non utilizzare per nessun motivo gli spray pulenti destinati ai forni con sistemi di cottura tradizionali, ovvero elettrici e a gas.

Pulire il piatto rotante

E’ consigliabile lavarlo con un buon detersivo per piatti e provvedere anche a detergere il perno che ne consente la rotazione nelle fasi di cottura.
Se si preferisce, può anche essere lavato in lavastoviglie.
Una volta asciugato, ricollocarlo nella sua posizione sul perno prestando attenzione ad eseguire l’operazione in modo che il forno, durante l’utilizzo, possa funzionare correttamente.

Pulire la griglia del microonde

Nel caso di un forno a microonde dotato di grill, è necessario provvedere anche alla pulizia della griglia.
L’operazione può essere eseguita tranquillamente con la lavastoviglie dal momento che è realizzata in acciaio inox ma, se, si preferisce, si può utilizzare un prodotto specifico per questo materiale.

Pulire lo sportello

I bordi laterali dello sportello del forno sono, generalmente, in metallo e possono essere puliti con un panno morbido e un buon detersivo neutro.
Per la pulizia del vetro, invece, non ci sono problemi ad utilizzare una spugna e un buon detergente spry per cristalli e specchi.

Consigli pratici finali per la pulizia del microonde

5 minuti è il tempo necessario per ripetere in sequenza questa procedura per la pulizia del forno a microonde, eseguendone le diverse fasi illustrate almeno una volta la settimana così da evitare che lo sporco si accumuli e che i residui del cibo possano rimanere attaccati alle superfici interne del vano di cottura del forno.

Se poi si possiede un modello di microonde di ultima generazione, ovvero privo del piatto rotante, oltre a guadagnare quasi la metà della effettiva capacità di contenimento del forno, sarà molto più facile, semplice e rapido eseguire la pulizia dell’apparecchio.

Invece di acquistare e utilizzare detergenti neutri, per pulire il forno a microonde, si può preparare da soli un’emulsione riempendo una ciotola con metà acqua e 30 ml di aceto bianco.

Mettere la ciotola nel microonde per 5 minuti alla potenza massima. In questo modo, le pareti del forno verranno vaporizzate dall’aceto facilitando notevolmente la rimozione di eventuali residui di cibo.
Il vapore prodotto dall’emulsione di acqua e aceto, infatti, provvede a sciogliere gli schizzi di unto e grasso, in modo da poterli eliminare senza la necessità di strofinare!
Al termine, estrarre la ciotola, lasciare riposare 2 minuti il forno, staccare dalla presa di corrente il cavo di alimentazione e con un panno morbido o una spugna, pulire l’interno del forno.

In alternativa all’aceto, è possibile usare il limone che è un detergente naturale;  niente di meglio, quindi, che usarlo per pulire anche il forno a microonde..
In questo caso, si taglia un limone a metà e le due parti ottenute, capovolte verso il basso, e bagnate con un cucchiaio di acqua, si posizionano sul piatto rotante del forno che, dopo averlo impostato alla massima potenza, lo si avvia per due minuti, il tempo necessario affinché il limone, diventato caldo, emetta il vapore per detergere l’interno del microonde.
Il vapore, infatti. si condensa sui lati del microonde, sciogliendo l’unto e il grasso e dissolvendo gli schizzi causati dalla cottura del cibo.
Al termine, tagliare le due metà del limone a pezzetti e utilizzarle strofinandole bene sulle pareti del forno. Asciugare, quindi, con un panno morbido.

Anche il sapone per i piatti è un ottimo detergente per pulire il forno a microonde.
Versare un piccolo quantitativo, quello che si ritiene necessario e sufficiente, in una ciotola.
Azionare alla massima potenza il forno per 2 minuti, il tempo necessario al vapore che si crea, ottenuto riscaldando il detersivo, per agire sullo sporco. Al termine, lasciare riposare 1 minuto, quindi asciugare con un panno morbido.

Si può utilizzare per lavare il forno, sia all’interno che all’esterno, anche il detersivo per i vetri, realizzando una soluzione con un po’ di detergente mescolato e diluito con l’acqua.
Immergere una spugna in questa soluzione e usarla per pulire l’interno del microonde, facendo attenzione a detergere bene le prese d’aria presenti nel vano cottura e a rimuovere i possibili residui di cibo.

Controllare anche se la parete superiore del forno sia ben pulita e non presenti tracce di sporco, unto o grasso.
Con un panno pulito, immerso in acqua fredda e ben strizzato, provvedere ad asciugare il forno assicurandosi che non resti traccia dei possibili residui della soluzione detergente così da evitare, alla successiva accensione del forno, qualsiasi possibile contaminazione con le sostanze chimiche contenute nel detersivo per vetri. Lasciare asciugare con lo sportello aperto. Se si continua a sentire l’odore del detergente per vetri, prendere una spugna bagnata di sola acqua e ripassarla fino a quando non si risolve il problema.

Il detersivo lavavetri, da solo e non in soluzione con l’acqua, può essere usato senza problemi per pulire l’esterno del forno, prestando attenzione ai punti critici in cui si accumula, nascondendosi, lo sporco quali le manopole o i pulsanti che attivano le diverse funzioni e la maniglia dello sportello.

In conclusione, possiamo dire che non esiste il modo migliore per pulire un forno a microonde, ma, come abbiamo visto,  sono possibili più e diverse soluzioni  per una profonda pulizia e per mantenerlo pulito con l’opportunità di privilegiare la scelta di detergenti naturali quali il limone e l’aceto.

E’ dal 1996 che mi occupo di scrittura per il web.
Da allora scrivo e condivido con i lettori contenuti coinvolgenti ed esaustivi per fornire risposte accurate alle loro domande.
Sicuramente l’aspetto più difficile è riuscire a trovare la “parola giusta” quella necessaria per regalare valore aggiunto a un testo. E questo è il mio lavoro.

Come pulire un forno a microonde
Ti è piaciuto il post?
7032 7029 7097 6598 7121 7212 7062 7106 7146 6742
Back to top